Mar. Nov 29th, 2022

Firma per chiedere l’applicazione della legge https://chng.it/wNHFP5Y6jh

Se il Comune di Foggia continua a non svolgere regolarmente e correttamente il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti, cosa possono fare i cittadini perché vengano riconosciuti i propri diritti? Soprattutto in virtù di un tributo (TARI) che pagano? In merito alla questione interviene la giurisprudenza. In particolare, i commi 656 e 657 della legge di Stabilità 2014 (147/2013) prevedono che il tributo è dovuto nella misura del 20% in caso di mancato svolgimento del servizio e in misura non superiore al 40% nelle zone in cui non è effettuata la raccolta, da graduare in relazione alla distanza dal più vicino punto di raccolta. Sulla questione è intervenuta anche la Corte di Cassazione. Con l’ordinanza 5940 del 23 febbraio 2022 ha stabilito che: “I contribuenti hanno diritto a pagare la Tari in misura ridotta se il servizio non viene svolto regolarmente o non viene svolto affatto. Se l’attività di raccolta non viene effettuata fin dove ha sede l’azienda e la stessa è costretta a richiedere un servizio sostitutivo privato, la tassa non è dovuta integralmente”. La Suprema Corte ha richiamato la disciplina delle riduzioni tariffarie, in particolare la L. 147 n. 2013, art. 1 comma 656, secondo cui: “La TARI è dovuta nella misura massima del 20 per cento della tariffa, in caso di mancato svolgimento del servizio di gestione dei rifiuti”. Ai sensi del successivo comma 657 “nelle zone in cui non è effettuata la raccolta, la TARI è dovuta in misura non superiore al 40% della tariffa da determinare, anche in maniera graduale, in relazione alla distanza dal più vicino punto di raccolta rientrante nella zona perimetrata o di fatto servita”. Le stesse riduzioni, precisa la Corte, vanno riconosciute senza la necessità di una specifica e preventiva domanda che contenga l’indicazione delle condizioni per fruirne. Il tributo può essere preteso nella misura massima del 40% della tariffa ordinaria. La norma prevede poi che la percentuale di riduzione venga graduata in misura della distanza dal punto di raccolta più vicino, presupponendo quindi che il servizio venga svolto, ma non nella zona ove è allocato il bene oggetto di imposizione, e adeguando la riduzione al peso economico della carenza, parametrato in termini chilometrici. Con l’ordinanza n. 19767/2020, la Cassazione precisa che la ragione del tributo sta nel porre le Amministrazioni nelle condizioni di soddisfare interessi generali della collettività e in caso di omissione del servizio, pagare il tributo in misura ridotta. Quindi, se il Comune di Foggia non riesce a garantire il corretto e regolare servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti, ai fini del pagamento della tassa, è sempre responsabile, indipendentemente dalle cause che hanno provocato il disservizio. E al cittadino contribuente l’agevolazione spetta per il semplice fatto che il servizio non viene svolto secondo i criteri previsti dalla legge e dal regolamento comunale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *