Tokio 2020: la squadra di sciabola maschile con Gigi Samele è in finale.

Vittoria al cardiopalma in semifinale. L’Italia batte per 45-43 l’Ungheria del tre volte campione olimpico Szilagyi. Samele non è nel terzetto per un piccolo risentimento muscolare e al suo posto il ct Giovanni Sirovich inserisce il capitano Aldo Montano, alla sua quinta partecipazione olimpica. Parte bene l’Italia nel primo assalto con Luca Curatoli che chiude in vantaggio 5-3. Poi va sempre sotto fino al -5 del sesto attacco (25-30). Negli ultimi tre assalti parte la rimonta con un super Aldo Montano che accorcia le distanze portando il risultato sul 30-32. Poi tocca a Enrico Berrè che fa un autentico capolavoro e porta gli azzurri avanti all’Ungheria (40-39). Nell’ultimo e decisivo attacco Luca Curatoli mantiene il vantaggio controllando con autorevolezza l’ultimo assalto di Szilagyi. Ai quarti di finale vittoria sofferta contro l’Iran per 45-44. Il terzetto Samele-Berrè-Curatoli parte bene e mantiene sempre il vantaggio. Ma nell’ultimo e decisivo aassalto Luca Curatoli è costretto a fare gli straordinari contro l’iraniano Pakdman che compie quasi un miracolo. L’azzurro non molla e piazza l’ultima stoccata vincente. Alle 12,30 assalto alla medaglia d’oro contro la Corea che ha battuto in semifinale la Germania per 45-42.

Altre notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *