Bomba alla farmacia Simone di Monte Sant’Angelo. La titolare è la compagna del comandante della stazione locale dei carabinieri.

Danni ingenti che, da una prima stima, si aggirerebbero sui 50mila euro. L’ordigno esploso la scorsa notte a Monte Sant’Angelo ai danni della farmacia di Raffaella Simone, compagna del comandante della locale stazione dei carabinieri, ha scosso l’intera comunità. Sulla vicenda è intervenuto sui social anche Pierpaolo d’Arienzo, sindaco del comune garganico. “Questa notte, alcuni malviventi hanno piazzato una bomba nella Farmacia Simone, creando danni ingenti alle strutture. Una notizia che ci addolora e che ci fa tanta, tanta rabbia. Sono andato a trovare Raffaella per far sentire forte la nostra vicinanza e quella di tutta la comunità. Assieme ai suoi collaboratori, era già intenta a risistemare per tornare subito a lavorare. Aveva la voce tremante, ma nonostante tutto pronta a ripartire. Le ho detto che non è sola, che non sono soli. E che tutta la Città è con loro. La sua attività ha subito notevoli danni. Ma il danno peggiore continua a subirlo anche la nostra comunità. Il danno più grande siete voi criminali: voi che piazzate bombe, voi che delinquete, voi che pensate di farci paura con atti intimidatori. Sappiate che i danni si possono aggiustare; le vetrate saranno ricomposte. Anche la nostra comunità, ne sono certo. Tornerà a splendere di sola bellezza. Ma voi no! Voi starete sempre nell’ombra”. Il titolare dell’attività avrebbe riferito agli inquirenti di non aver mai ricevuto “alcun tipo di intimidazione”. La farmacista avrebbe poi sottolineato di non capire perchè tutto questo. “Non me lo spiego, vorrei capire cosa significa” avrebbe aggiunto la donna ai carabinieri. Il senatore Vitali chiede un urgente intervento della Commissione Antimafia affinchè si ponga fine a questo”.

Altre notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *